VoglioVivereViaggiando

Cosa fare, vedere e mangiare a Bangkok - 9) MANGIARE FRUTTA ESOTICA-

Last Updated on 5 Gennaio 2021 by Nadia

9) MANGIARE FRUTTA ESOTICA

Bangkok è famosa per i suoi mercati. E quello che più vi chiamerà l’attenzione, passeggiando per le varie bancarelle, saranno i colori e i profumi della frutta asiatica.

Vi lascio un piccolo elenco della frutta più amata dai tailandesi, e non solo:

 

DRAGON FRUIT ( o Pitaya) 

Il frutto più bello e particolare, esteticamente parlando. C’è chi dice che non ha nessun sapore, e chi invece lo paragona al kiwi, anche per i semini che vi sono al suo interno.

Di solito basta tagliarlo a metà in verticale e poi mangiare la polpa con un cucchiaino. Viene utilizzato spesso anche nelle insalate.

Dragon fruit

Dragon fruit

 

 

RAMBUTAN 

Altrettanto strano per il suo aspetto, c’è il rambutan. Il sapore è simile a quello del lychee. All’interno si trova un grande seme tondo.

Rambutan

Rambutan

DURIAN

Il frutto più conosciuto del sud-est asiatico, non tanto per la sua forma, ma per il suo cattivo odore. C’è chi lo paragona all’ “odore” della spazzatura o dei piedi sudati.

Dicono sia tanto dolce quanto sgradevole all’olfatto. Riconoscerete il suo caratteristico “profumo” a metri di distanza. Infatti è proibito servirlo e venderlo in alcuni luoghi pubblici, come hotel e aeroporti.

Durian

Durian

LONGAN

Simile all’uva, è abbastanza dolce e usato per fare dolci thailandesi. Fate attenzione ai semi quando lo mangiate perchè sono molto duri e non commestibili da crudi.

Longan

Longan

GUAVA

Ha un gusto dolce, simile alla pera e viene utilizzato soprattutto per fare succhi.

Guava

Guava

MANGOSTANO

Con un gusto agrodolce, il mangostano ha assunto lo status di “frutto miracoloso”, grazie alla sua spiccata azione antiossidante.

Mangostano

Mangostano

E poi ci sono tanti altri frutti, ben conosciuti, anche se con un sapore diverso, come il MANGO, le BANANE, la PAPAYA e il COCCO, anche se quest’ultimo viene venduto verde, più per l’acqua che esso contiene, che per il frutto in sé.

Ed ecco alcune fotografie scattate da me:

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *